Highlights
  • Cammineremo accompagnati da una guida locale lungo gli antichi sentieri del nord
  • Scopriremo una nuova spiaggia ogni giorno per bagnarci nelle acque incontaminate dell’isola
  • Visiteremo l’antico villaggio di Olympos, dove il tempo si è fermato
  • Faremo l’esperienza di una gita in barca verso l’isola di Saria
  • Testeremo la cucina tradizionale dell’isola

Condividi: 

Chi ha detto che l’estate non è la stagione dei cammini? A Karpathos il meltemi soffia prepotente ad agosto come volesse mitigare l’afa stagionale permettendo di scalare le cime più ruvide e suggestive dell’isola.
Un’esperienza che ci porta in cammino verso le spiagge incontaminate del nord, la zona meno esplorata dell’isola, lungo antichi sentieri, valli rigogliose e rocciose che conducono alle acque turchesi, blu e smeraldo delle spiagge meno battute. Alterneremo nuotate a giri in barca, testeremo la cucina tradizionale, dormiremo fronte mare nel villaggio più misterioso dell’isola e ci lasceremo emozionare dagli scorci mozzafiato che incontreremo lungo tutto il percorso.

Conferma del viaggio: a 30 giorni dalla partenza, soltanto al raggiungimento del minimo di partecipanti richiesto; in caso di applicazione dei supplementi per gruppi inferiori a 12 partecipanti, si avrà facoltà di recedere dal contratto.

Giorno 1   Arrivo a Karpathos
Benvenuti!
Arrivo all’aeroporto internazionale di Karpathos e incontro con i nostri amici del Dorana Studios che ci accompagnano a Diafani, villaggio fronte mare nell’estremo nord dell’isola.
Prendete possesso delle vostre camere e godetevi la tranquillità di questo luogo carico di un’energia tangibile. Cena in hotel.

Giorno 2   Diafani/Papa Minas Beach/Diafani
2 ore in cammino
Dopo una prima colazione vista mare circondati da una tranquillità mistica, partiamo dal villaggio di Diafani e ci incamminiamo verso nord-est. Dopo 1 ora di cammino tra pini, uliveti e campi di grano, raggiungiamo Papa Minas, spiaggia di sabbia e ciottoli e circondata da tamerici dove fermarsi a schiacciare un pisolino. Godetevi la giornata ma ricordate di portare con voi acqua e cibo: la spiaggia è davvero incontaminata e non offre servizio ristorazione.
Torniamo a Diafani nel pomeriggio, prima del calare del sole, dove arriviamo dopo 1 ora di cammino. Ci aspetta una cena tipica prima del pernottamento.

Giorno 3    Diafani/Vananda/Diafani
1h40’ in cammino
Buongiorno! Dopo la prima colazione, si parte in viaggio verso il paradiso. Poco meno di 1 ora di cammino lungo un sentiero in pietra che conduce alla bellissima baia di Vananda, piccola spiaggia del nord-est dell’isola dove l’acqua cambia sfumature a seconda della posizione del sole. Anche qui, sabbia e ciottoli e nessuna zona ristoro, partite attrezzati! L’ultimo tratto del sentiero offre panorami incomparabili sulla costa. Non volete andar via da questo regalo di Madre Natura ma ci aspettano 50’ di cammino per rientrare in hotel prima del tramonto. Cena in hotel, un po’ di relax vista mare e pernottamento.

Giorno 4    Diafani/Avlona/Vrukounta/Avlona/Diafani
2h40’ di percorrenza in auto e a piedi

Oggi la sveglia è inflessibile: tutti in piedi all’alba! La colazione ci aspetta prima di salire sul nostro minivan che ci porta ad Avlona. Da qui ci incamminiamo lungo un antico sentiero di pietra che conduce all’area mistica di Vroukounta, dove un tempo sorgeva l’antica città stato di Vrykous. Vroukounta, spiaggia di sabbia e ciottoli circondata da pini verde chiaro, nasconde tesori sommersi che possiamo ammirare soltanto praticando lo snorkeling. Mettete maschera e boccaglio vicino a viveri e acqua: nessuna area di ristoro a disposizione. Torniamo a piedi ad Avlona dove ci aspetta il minivan per il trasferimento in hotel per la cena ed il pernottamento.

Giorno 5    Diafani/Saria/Diafani
spostamenti in barca
Sveglia! Una nuova bellissima avventura ci aspetta dopo la prima colazione. Tutti a bordo per raggiungere l’isola disabitata di Saria per attraversala con una piacevole camminata che conduce alla spiaggia di Palatia. Godiamoci il nostro meritato relax sull’isola e un barbeque organizzato per noi, circondati dalla vegetazione lussureggiante e con vista sulle acque cristalline incontaminate, volete di più? Riprendiamo la barca che ci porta indietro per la nostra cena ed il pernottamento a Diafani.

Un tempo Saria era l’estrema punta nord dell’isola di Karpathos da cui si staccò a causa dell’erosione. Nell’antichità, era una delle quattro città di Karpathos, come testimoniano antichi monumenti, rovine e resti di insediamenti che è possibile incontrare lungo il cammino. Nella sua storia antica, è stata la base dei pirati Saraceni.
Le rovine della città, sommerse nello Stretto di Tristomo, indicano l’esistenza del santuario di Apollo Porthmiou. Ci sono tracce della presenza umana dal Neolitico e dalla prima età del Bronzo. L’isola è habitat importante e sito di riproduzione per uccelli e organismi marini, per questo inserita nella rete europea delle aree protette Natura 2000.

Giorno 6    Diafani/Olympos/Diafani/mare
3h in cammino
Dopo una prima colazione vista mare circondati da una tranquillità mistica, partiamo da Diafani e ci incamminiamo verso Olympos; qui il tempo si è fermato, le donne indossano ancora abiti tradizionali e decine di negozi mostrano meravigliosi tessuti lavorati a mano.
Dopo la visita al villaggio, tra le botteghe che sfoggiano l’artigianato tradizionale e antiche chiese con affreschi ancora intatti, torniamo a Diafani per un intero pomeriggio di relax sulla spiaggia scura bagnata da un’acqua trasparente e sempre calma. Cena e pernottamento.

Olympos, capitale del Nord di Karpathos, è un villaggio dalla bellezza eccezionale. Qui le case preservano i loro antichi colori e arredamenti. Il villaggio stesso è un museo a cielo aperto e oggi conta 400 abitanti molti dei quali si sostengono con l’agricoltura locale. Olympos mantiene uno stile di vita vecchio stampo dove primitive abitudini giocano un importante ruolo nella quotidianità.

Giorno 7     Diafani/Forokli/Diafani
1h20’ a piedi e rientro in barca
Il rumore delle onde che accarezzano la riva è il dolce risveglio prima della colazione. Oggi camminiamo lungo un sentiero sterrato e, a tratti, sconnesso che conduce alla lunga spiaggia di Forokli dove un mare cristallino bagna pigramente i ciottoli scuri che le conferiscono un colore argenteo. Acqua e viveri li avete presi? La spiaggia non è attrezzata e, malgrado sia pieno agosto, c’è il rischio di essere completamente soli!
Nel pomeriggio rientriamo a Diafani in barca, in tempo utile per la cena in hotel e un po’ di relax vista mare prima del pernottamento.

Giorno 8   Diafani/Agios Minas/Kapi/Opsi/Diafani
spostamenti in barca
Dopo la prima colazione nella magica cornice della baia di Diafani, partiamo in barca per scoprire le 3 spiagge più impervie dell’isola. Arriviamo a Agios Minas, considerata una delle spiagge più belle dell’isola, anche se è davvero difficile scegliere! A disposizione una taverna, ombrelloni e sdraio (non inclusi nella quota) per chi vuole la comodità. Dopo una sosta di un paio d’ore, ci imbarchiamo verso le meno note Kapi e Opsi, piccoli lembi di sabbia di ciottoli chiari bagnati da un mare caraibico dove è impossibile non tuffarsi.
Al termine della nostra escursione alla scoperta delle perle del nord, la barca ci porta a Diafani per la nostra ultima cena greca, prima del pernottamento.

Giorno 9   Ritorno in Italia
Alla prossima isola meravigliosa!
Oggi la colazione non basta per consolarci, dobbiamo salutare lo spettacolo che ogni mattina Diafani ci ha regalato, ma è solo un arrivederci! I nostri amici del Dorana ci accompagnano in aeroporto in tempo utile per il nostro volo di rientro in Italia. Grazie Karpathos, sei selvaggia e generosa, camminare lungo i tuoi sentieri è un’esperienza che resta nel cuore. Alla prossima!

Una striscia di terra nel Dodecaneso, incastonata tra le più note Rodi e Creta, Karpathos emerge fiera e maestosa dalle acque dell’Egeo. Con le sue cime ruvide che si gettano in un mare dalle sfumature caraibiche, sembra essere stata scelta da Madre Natura per fare prove tecniche di pittura e scultura.

Il Nord, diviso dal centro da un paesaggio lunare, è noto per le sue spiagge argentee e per l’antica capitale Olympos che ancora preserva le tradizioni millenarie sulle quali si basa la quotidianità della gente del posto.

Scendendo verso il centro, un mare cristallino bagna le spiagge più note dell’isola, nascoste dai monti e abbellite dai verdi pini mediterranei. Le due coste sono separate dai monti centrali dai quali svetta Kali Limni, la cima più alta dove gli amanti del trekking possono trovare sentieri tracciati e organizzati.

Il sud è la Karpathos che non ti aspetti: qui i monti degradano e le strade verso le spiagge sono più dolci, il paesaggio è impreziosito dai colori del deserto e la pace regna sovrana. Paradiso degli amanti del surf e del kitesurf, ma è facile trovare calette isolate o colonizzare uno scoglio o semplicemente camminare per le strade isolate accompagnati dalle caprette e dal meltemi che rinfresca l’aria.

Ad ogni curva, Karpathos regala scorci mozzafiato, di ogni spiaggia ci si innamora di più di quella precedente e su ogni cima si ha la sensazione di avere il vento nelle vene.

La quota include:

8 pernottamenti in camera doppia o tripla per minimo 12 partecipanti, mezza pensione, trasferimenti da/per l’aeroporto di Karpathos, trasferimenti in minivan come da programma, trasferimento in barca per/da Saria, guida ambientale locale, assistente dall’Italia, assicurazione base medico-bagaglio.

La quota NON include:

Voli o traghetti da/per la località di partenza, tasse aeroportuali o portuali, pasti non indicati in programma, bevande ai pasti, extra personali, mance, assicurazioni facoltative (annullamento e medica integrativa), tutto quanto non espressamente indicato come incluso nella quota.

Chiedi informazioni su questo viaggio

Nota COVID-19

È tornato il momento di oltrepassare i confini ed esplorare nuove terre.
Dopo 2 anni di spostamenti limitati dentro confini troppo stretti, possiamo tornare a riprenderci il mondo e la libertà di esplorare, di scoprire nuove culture e stimolare i nostri sensi attraverso la conoscenza delle diversità.

Con l’ordinanza del 22 febbraio 2022, sono stati definitivamente eliminati gli elenchi di Paesi verso i quali è concesso viaggiare per turismo. Scompaiono anche i Corridoi Turistici Covid-free che non hanno più ragione di esistere.

Restano, comunque, regole ferree da seguire durante il viaggio e per il rientro sul territorio nazionale, utili per viaggiare in sicurezza. Scopriamole insieme:

Come restare informati:

Torniamo in movimento ma ricordiamo di seguire le regole per evitare problemi alle frontiere! Qui trovate un riepilogo della documentazione da presentare in aeroporto prima di imbarcarsi sul volo di rientro in Italia:

– Munirsi di mascherine FFP2 prima di partire, l’utilizzo dei dispositivi di protezione è ancora obbligatorio all’interno degli aeroporti, in aereo e per tutta la durata del viaggio (da sostituire ogni 4 ore).

– Presentare alla compagnia aerea, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, il formulario digitale di localizzazione del passeggero (digital Passenger Locator Form o dPLF) in formato digitale o cartaceo.

– Essere in regola con il certificato di vaccinazione completa o da guarigione (da meno di 6 mesi); in alternativa, è necessario presentare il risultato negativo di test molecolare effettuato 72 ore prima dell’ingresso in Italia o di test antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti l’ingresso.

In caso di mancata presentazione di una delle certificazioni indicate, al rientro si avrà l’obbligo di quarantena presso l’indirizzo indicato nel dPLF per un periodo di cinque giorni, al termine del quale si dovrà effettuare obbligatoriamente un nuovo test molecolare o antigenico.

E’ importante, però, verificare le norme vigenti nel Paese verso il quale si intende viaggiare che potrebbero prevedere diversi obblighi o limitazioni. Per essere aggiornati in tempo reale, vi invitiamo a consultare il sito www.viaggiaresicuri.it, selezionando la scheda Paese di vostro interesse (per i viaggi all’estero) o leggendo gli approfondimenti per i viaggi in Italia.

Certificazione verde (green pass): Anche se si sta andando gradualmente verso l’abolizione del Green Pass, ormai è noto a tutti che è necessario, almeno fino al 31 marzo p.v., essere dotati di Green Pass Rafforzato per accedere ad alberghi e altre strutture ricettive e mezzi di trasporto pubblico sul territorio nazionale (aerei per voli nazionali, treni sul territorio nazionale, navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, autobus, funivie, cabinovie, seggiovie).

La tabella delle attività consentite con o senza Green Pass pubblicata sul sito www.governo.it è uno strumento chiaro e davvero molto utile per non sbagliare.La normativa completa è disponibile sul sito del Ministero della Salute e alla pagina dedicata sul sito www.viaggiaresicuri.it.


Sicurezza in viaggio:

Tutti i nostri partner – albergatori, ristoratori, guide ambientali e turistiche, autisti, performer – fanno parte della community di Eventi Nomadi perché sposano la nostra filosofia che mette al centro la persona e la cura dei territori, delle culture e delle relazioni. Anche loro hanno voglia di accoglierci e farci vivere esperienze emozionanti e per farlo hanno adottato i protocolli previsti dalle normative internazionali e regionali vigenti.


In caso di nuove restrizioni nella destinazione del viaggio prenotato:

E’ sempre consigliata un’assicurazione contro l’annullamento del viaggio o con le nuove clausole dedicate al Covid-19. Se il viaggio o l’esperienza che avete prenotato non potrà più avere luogo a causa di nuove restrizioni, i nostri partner faranno il possibile per riprogrammarlo o rimborsare eventuali acconti versati ma solo in caso di forza maggiore.
N.B.: se viaggiate verso un Paese o Regione che richiede un test molecolare, fate attenzione ai tempi necessari per ottenere il referto; eventuali ritardi non possono essere trattati come una rinuncia involontaria al viaggio


Buone pratiche del viaggiatore:

Anche noi viaggiatori siamo tenuti a seguire quelle linee guida che ci consentono di garantire la nostra sicurezza e quella dei nostri compagni di viaggio. In che modo? Utilizzando i dispositivi di protezione (mascherina e, ove richiesto, guanti monouso), igienizzando e lavando spesso le mani, evitando assembramenti e mantenendo la distanza minima di 2 metri.

Torniamo in movimento rispettando le regole e pretendendo rispetto ma facciamolo anche con la giusta dose di leggerezza. E se avete ancora qualche dubbio, siamo a vostra disposizione all’indirizzo email info@eventinomadi.it. Vi ricordiamo che nella community di Eventi Nomadi trovate organizzatori professionisti, fornitori e viaggiatori: una grande risorsa dalla quale attingere qualsiasi ulteriore informazione o suggerimento per il vostro prossimo viaggio.

I nostri Viaggi Sostenibili rispettano l’ambiente e le culture locali attraverso un turismo lento. Non tutti i luoghi che visitiamo sono organizzati per consentire spostamenti a basso impatto ambientale, per questo abbiamo codificato il grado di sostenibilità di ogni viaggio, come segue:

altamente sostenibile

mediamente sostenibile

sostenibile al 50%