Highlights
  • Scopriremo i segreti dei tessuti Lao a Ock Pop Tok
  • Assisteremo alla cerimonia Tak Bat la mattina presto a Luang Prabang
  • Parteciperemo alla cerimonia in un tempio di Luang Prabang
  • Andremo alla scoperta dell’altro lato della famosa grotta Konglor – lunga 7.5 km – a Hinboun
  • Parteciperemo alla cerimonia di benedizione locale Baci accompagnata da una cena in una casa del villaggio locale
  • Ci avventureremo in 4×4 sull’altopiano di Bolovens – noto per la produzione di caffè
  • Pernotteremo nella casa di una famiglia locale a Bolovens dove testeremo alcuni piatti tipici della cucina Laotiana
  • Faremo un giro in bicicletta tra i piccoli sentieri che si snodano intorno alla remota e tranquilla isola di Don Daeng a Champassak
  • Scopriremo i diversi stadi di crescita del riso e la sua trasformazione in deliziosi noodles
  • Parteciperemo al progetto Refill not Landfill: riduci il tuo impatto mentre sei in viaggio.

Condividi: 

Il Laos è una destinazione spesso dimenticata e “nell’ombra” dei paesi confinanti più noti ai viaggiatori forse per questo si adatta perfettamente alle aspettative di un viaggio Slow.

Un viaggio che consente di vivere ogni tappa in totale connessione con la cultura locale e con l’anima di ogni luogo che si visita, fermandosi qualche notte ad ogni tappa per conoscere non solo i must-see ma anche un’attenta selezione di gemme nascoste e meraviglie naturali raramente visitate, un po’ fuori dai sentieri battuti.

Viaggiare slow in Laos vuol dire vivere in totale immersione nella natura incontaminata e nella cultura locale per vivere esperienze incredibilmente autentiche.

Giorno 1 – Arrivo a Vientiane

Arrivo all’aeroporto di Vientiane e incontro con la guida per il trasferimento in hotel; le camere sono  disponibili dalle ore 14:00.

Hotel: Xaysomboun Hotel  *** (o similare)

Giorno 2 – Vientiane / Hinboun (320km / 6h)
Pasti inclusi: pranzo in un ristorante locale e cena

Di prima mattina, lasciamo Vientiane e iniziamo il viaggio verso Hinboun, nel cuore del Laos. Hinboun è una delle province più pittoresche e meno turistiche del paese. Sulla strada, ci fermiamo per una visita al tempio di Vat Prabath, dove è conservata l’impronta del Buddha. Proseguiamo il viaggio verso un punto panoramico con una vista mozzafiato sugli splendidi paesaggi della provincia di Khammouane.  In serata, arriviamo allo Spring River Resort, situato accanto a un bellissimo fiume e circondato da uno scenario incredibile. Dopo il check-in, ci aspetta una deliziosa cena nel ristorante dell’hotel con vista sul fiume  prima del pernottamento.   in hotel

Hotel: Spring River Resort (Bungalow River View)  *** (o similare)

Giorno 3 – Hinboun
Pasti inclusi: colazione, pranzo al sacco e cena

Non c’è modo migliore per scoprire i meravigliosi paesaggi della provincia di Khammouane che fare una gita in barca lungo il tranquillo fiume Nam Hinboun. Il viaggio inizia allo Spring River Resort dove ci imbarchiamo su una piroga di legno motorizzata che galleggia in acque incontaminate color smeraldo circondate da una vegetazione lussureggiante.
Lungo il fiume tutto è stupore: ad ogni curva si rivelano formazioni carsiche straordinariamente nitide e sulla riva la vita scorre allegra, i bambini giocano nell’acqua vicino ai pescatori, gli agricoltori curano i loro orti e le mandrie di placidi bufali d’acqua riposano indisturbati.
Dopo 30 minuti di navigazione, ci aspetta una delle traversate sotterranee più lunghe della terra: la barca arriva all’ingresso della grotta Konglor, una caverna di 7,5km che attraversiamo a bordo di una lunga scialuppa.

Al termine, iniziamo una passeggiata tra paesaggi mozzafiato e attraverso i villaggi di Ban Natan e Tan Khankeo, distesi ai piedi delle montagne calcaree. Continuiamo l’escursione attraversando a piedi un fiume poco profondo fino a raggiungere la grotta nascosta di Tam Hom, un luogo segreto dove sostiamo per il pranzo al sacco con vista sulla valle. Torniamo al molo, con una semplice passeggiata o, chi preferisce, appollaiati su un tok-tok (trattore locale) prima di tornare indietro attraverso la grotta Konglor.

Tempo a disposizione durante il quale, chi vuole, può testare l’ospitalità Lao vivendo l’esperienza a 500mt dal nostro hotel: una famiglia locale ci accoglie nella loro casa benedicendoci – come da tradizione – per la visita con una cerimonia locale. Partecipiamo alla preparazione del pasto prima di condividerlo con i nostri ospiti.

Hotel: Spring River Resort (Bungalow River View)  *** (o similare)

Giorno 4 – Hinboun / Thakek
Pasti inclusi: colazione, pranzo e cena

Oggi ci godiamo una mattinata libera nel resort. Dopo la colazione, ci aspetta un po’ di relax in riva al fiume o una piacevole passeggiata nei dintorni. Dopo il pranzo in resort, ci dirigiamo verso la cittadina di Thakhek. Questa città un tempo fu un importante centro amministrativo e commerciale sotto l’occupazione francese e vanta ancora i resti di case coloniali e ampi viali tipici di quell’epoca. Cena in ristorante locale. Pernottamento in hotel.

Hotel: Le Bouton d’or Boutique Hotel  *** (o similare)

Giorno 5 – Thakhek / Paksé / Bolaven
Pasti inclusi:cena

Al mattino lasciamo Thakek e partiamo in direzione sud, dove ci aspettano altre avventure. Sosta nelle vicinanze di Pakse per visitare lo Stupa di Sikhottabong, un monumento alto 29 metri e con la punta dorata, considerato uno dei siti più sacri del Laos. Situato sulle rive del fiume Mekong, fu originariamente costruito intorno al VI secolo per ospitare le reliquie di Lord Buddha.
Proseguiamo il viaggio verso Bolovens dove ci fermiamo per la cena e il pernottamento.

Hotel: Sabaidee Valley  *** (o similare)

Giorno 6 – Bolaven
Pasti inclusi: pranzo, cena

Partenza per Paksong la capitale laotiana del caffè e porta d’ingresso sull’altopiano di Bolaven, alla sorprendente altitudine di 1,300 metri. Questa regione tanto bella quanto autentica, è tutt’ora abitata da differenti gruppi etnici Mon-Khmer.
In passato, i coloni francesi iniziarono a sfruttare il territorio piantando caffè, banane ed alberi di gomma. Non a caso, il caffè prodotto nell’area è conosciuto a livello globale per l’impareggiabile qualità. L’area dell’altopiano è ricca di tesori nascosti lontano dal sentiero battuto.

Saltiamo a bordo di una jeep per esplorare i dintorni, addentrandoci nel cuore della ona, dove ci attende un appassionato proprietario di piantagioni di caffè, impaziente di condividere con noi il suo sapere e di mostrarci la sua tenuta. Passeggiamo all’interno dei suoi possedimenti per  scoprire tutti i segreti della tostatura di questi chicchi bruni dall’irresistibile profumo. Breve camminata su un sentiero che serpeggia tra ordinate piantagioni, campi rigogliosi e lussureggiante foresta tropicale, fino a raggiungere il luogo prestabilito per il pranzo, in un sito immerso nella quiete. Soddisfatti e con la pancia piena, seguiamo la guida alla scoperta del vulcano PhuSanark, dalle pendici del quale è possibile ammirare il calare del sole che tinge il cielo di mille sfumature ardenti.
La giornata termina presso un’abitazione locale, che sonnecchia isolata sulla cima dell’altopiano, circondata dalle piantagioni di caffè. Prepariamo la cena tradizionale insieme alla famiglia che ci ospita.

Hotel: Homestay a Bolaven

Giorno 7 – Bolaven / Done Khone

Ci vogliono circa 4 ore per attraversare un’ultima volta la campagna del Laos meridionale, seguendo la strada dell’isola Don Khong per raggiungere Siphandon, l’arcipelago delle 4000 isole; un luogo ideale per godere dell’atmosfera Zen di questa regione. Sosta alle splendide cascate di Phapheng, le più grandi del paese. Un paesaggio sontuoso!
Dopo il pranzo locale, attraversiamo il Mekong in barca fino all’isola di Khone. Visita all’impressionante sito delle cascate Liphi dove si trova anche la vecchia locomotiva risalente al periodo coloniale francese. Cena libera e pernottamento in hotel sull’isola di Khone.

Hotel: Sengahloune Resort   *** (o similare)

Giorno 8 – Done Khone / Champassak / Don Daeng
Pasti inclusi: colazione, pranzo

 Iniziamo la mattinata facendo una tappa al villaggio rurale di Ban Ponsaad, dove possiamo ammirare tradizionali casette a palafitta in legno e bamboo. La maggior parte delle abitazioni hanno tetti di paglia e mura di foglie di teak.  Dopo pranzo, visitiamo il Wat Phou che è un tempio di epoca pre-angkoriana annoverato tra i siti patrimonio dell’UNESCO. Al nostro arrivo, dopo aver costeggiato due laghi artificiali, ci trasferiamo fino alla base del venerato monte Phou Kao. Da qui, camminiamo lungo l’antico asse del tempio, delineato da colonnati in pietra che conducono alla prima terrazza.
In questo luogo impregnato di spiritualità si ergono silenziose e fiere le rovine di palazzi Khmer Hindu. Arrampicandoci su per un’antica scalinata costeggiata da alberi di frangipani, raggiungiamo un terzo tempio, caratterizzato da una struttura unica e dedicato alla divinità Shiva. Proseguiamo la nostra esplorazione nel retro del tempio, dove si trovano una scrosciante sorgente naturale e animali d’ogni sorta intagliati nella pietra.
Trasferimento a Ban Mouang, situato sulla riva destra del fiume Mekong, dove ci imbarchiamo per raggiungere una spiaggia di sabbia sulla piccola isola di Don Daeng, incorniciata dalle montagne circostanti.

Hotel: La Folie Lodge (o similare)

Giorno 9 – Don Daeng / Luang Prabang

Dall’ufficio postale di Champasak, scendiamo lungo la scalinata che conduce alla riva destra del Mekong. Da qui, saliamo a bordo di una barca a motore, che ci conduce in meno di un quarto d’ora sulla spiaggia della graziosa isola Don Daeng, situata nel mezzo del fiume Mekong. Iniziamo l’escursione scegliendo la bicicletta più adatta a noi e partiamo alla scoperta di questa piccola isola. Pedaliamo lungo i sentieri che si snodano intorno ai villaggi dell’isola ammirando la ricchezza naturale dei suoi paesaggi tropicali caratterizzati da palme e alberi di cocco. Siamo dentro a un paesaggio unico: templi colorati, villaggi pieni di vita, agricoltori e pescatori.  Dopo il prano libero, rilasciamo le camere e salutiamo la quiete dell’isola di Don Daeng per tornare verso Champasak con un breve viaggio in barca di 15 minuti sul fiume Mekong.  Arrivati al molo, trasferimento all’aeroporto di Pakse per prendere il volo per Luang Prabang.  Trasferimento in hotel. Cena libera e pernottamento in hotel.

Hotel: Villa Chitdara  *** (o similare)

Giorno 10 – Luang Prabang

Percorriamo una stradina sterrata per raggiungere un’idilliaca fattoria di riso biologica. Tagliatelle e riso sono due dei piatti fondamentali della dieta del sud-est asiatico. All’arrivo ci accoglie il carismatico contadino Hmong di nome Lao Lee che ci porta nei suoi campi e ci guida attraverso i numerosi passaggi necessari per coltivare riso sano e trasformarlo in deliziosi noodles. Impariamo come germinare i semi prima di saltare nel fango per arare un campo con un bufalo e trapiantare alcune giovani piantine mentre ci cimentiamo in canzoni tradizionali agricole. Passiamo a un campo più maturo per imparare come raccogliere le piante di riso e schiacciarle per separare i semi. Una volta raccolti i grani, impariamo a usare gli strumenti tradizionali per macinarli su una polvere sottile prima di fermentarli e trasformarli in una pasta appiccicosa. Con l’assistenza del maestro, trasformiamo l’impasto in tagliatelle per cucinarle con verdure fresche dell’orto biologico della fattoria. Rilassiamoci testando la nostra deliziosa ciotola di zuppa di noodles appena fatta!

Proseguiamo la nostra esperienza alla scoperta della cultura locale visitando le cascate di Kuang Sy, uno dei luoghi più noti di Luang Prabang. Queste cascate sono composte da formazioni calcaree e numerose piscine dai colori turchesi e sono diventate una destinazione da non perdere per chi visita il Laos settentrionale. Il livello più basso delle cascate è stato trasformato in un parco pubblico ed è il posto dove fare una pausa per godersi l’ombra e l’atmosfera rinfrescante delle stesse cascate. Tuttavia, il principale punto di interesse è il percorso: numerose piccole piscine naturali di calcare che sono state formate dal processo di erosione dell’acqua e dove è possibile fermarsi per una nuotata.

Proseguiamo il viaggio verso una fattoria di bufale, un’impresa sociale che affitta bufale dai contadini locali per mungerle e fornire agli abitanti del luogo una fonte di reddito regolare. Ci fermiamo per conoscere meglio il progetto e dedicarci alla cura delle bufale: le  nutriamo con erba e banane, prima di pulirle con un bagno e imparare la pratica della mungitura oltre ai numerosi benefici del latte che questa produce. La visita termina con una degustazione di deliziosi prodotti caseari a base di latte di bufala: ricotta, feta, yogurt e mozzarella, oppure la ricca torta di formaggio, caffè e gelato squisito creata localmente dai contadini.

Continuiamo la giornata con la visita al centro artigianale di tessitura di Ock Pop Tok che rappresenta una meta imperdibile per i curiosi dell’artigianato locale. Una guida ci descrive tutte le fasi della tessitura della seta e del processo di tintura dei tessuti, soffermandosi anche sulla tecnica batik e l’intrecciatura del bambù. Ritagliamoci un po’ di tempo per ammirare un maestoso giardino tropicale, con vista mozzafiato sul possente Fiume Mekong e sulle montagne circostanti.

Cena libera e pernottamento in hotel.

Hotel: Villa Chitdara  *** (o  similare)

Giorno 11 – Luang Prabang

Al mattino presto la guida ci conduce al tempio per vedere la cerimonia di Tak Bat. Durante la cerimonia, i devoti abitanti di Luang Prabang si inginocchiano sul marciapiede, tenendo il cibo nelle loro mani, da offrire ai monaci che camminano coperti con le loro vesti color arancio-zafferano. Lasciamoci coinvolgere in questo momento culturalmente significativo, in quanto si svolge in modo pacifico e rispettoso, senza parole scambiate tra i monaci e gli abitanti che fanno le offerte. Dopo questa esperienza, facciamo tappa in un mercato locale, un luogo molto animato. Dopo il tour del mercato, ci dirigiamo verso un ristorante locale vicino al fiume Mekong per provare una zuppa tradizionale o un caffè mentre osserviamo la routine quotidiana dei residenti. Chi vuole, può tornare in hotel per una colazione completa.
In tuk tuk, ci avventuriamo alla scoperta di Luang Prabang, una delle città più belle del Sud-Est asiatico con la sua posizione perfetta nel punto d’incontro dei fiumi Mekong e Nam Khan e ai piedi di una catena montuosa secolare. La guida ci porta a scoprire i siti più emblematici e culturalmente ricchi. Scalando 328 gradini che portano alla cima del Monte Phousi, ci godiamo una vista panoramica sulla città di Luang Prabang e i dintorni.

Hotel: Villa Chitdara  *** (o similare)

Giorno 12 – Luang Prabang / Vang Vieng

Partenza per Vang Vieng. Durante il tragitto è impossibile non notare il paesaggio montano mozzafiato diverso dal resto del Laos. All’arrivo, ci imbarchiamo per goderci una tranquilla escursione lungo il fiume Nam Song e il suo bellissimo paesaggio.  Sosta in un bar locale per uno spuntino prima di arrivare in hotel.   Cena libera e pernottamento.

Hotel: Vansana Vang Vieng Hotel  *** (o similare)

Giorno 13 – Vang Vieng / Vientiane

Partenza per Vientiane, capitale del Laos, profondamente segnata dalla colonizzazione Francese, ma, al contempo, con una forte identità. Oggi esploriamo i maggiori punti di interesse della città, respirando la preponderante influenza europea, che a tratti si confonde fino a scomparire tra templi ed altre costruzioni dallo stile prettamente orientale. Concludiamo la giornata con una passeggiata lungo il Mekong, per ammirare un tramonto suggestivo e gettarci a capofitto nel vivace mercato notturno.

Hotel: Xaysomboun Hotel  *** (o similare)

Giorno 14 –   Partenza da Vientiane

Dopo il check-out la guida ci accompagna in aeroporto per il volo di rientro. Torniamo a casa con i ricordi di incontri, scambi e natura incontaminata.

 

La quota include:
  • Sistemazione negli alberghi indicati o di pari categoria in base alle disponibilità
  • 13 colazioni, 10 pranzi, 6 cene
  • Trasferimenti da/per gli aeroporti
  • Noleggio bicicletta per l’escursione sull’isola di Don Daeng
  • Escursione in 4×4 all’altopiano di Bolovens
  • Escursione in barca alla grotta di Konglor
  • Guide locali parlanti italiano e ingressi (ove previsti) durante le visite
  • Assicurazione base medico-bagaglio
La quota NON include:
  • Bevande e i pasti non menzionati
  • Voli internazionali e tasse aeroportuali
  • Costo del visto d’ingresso in Laos
  • Spese personali e mance
  • Assicurazioni integrative (mediche e contro l’annullamento del viaggio)
  • Quota iscrizione (€ 50,00 per persona)
  • Tutto quanto non espressamente indicato come inclusi nella quota

Chiedi informazioni su questo viaggio

Nota COVID-19

È tornato il momento di oltrepassare i confini ed esplorare nuove terre.
Dopo 2 anni di spostamenti limitati dentro confini troppo stretti, possiamo tornare a riprenderci il mondo e la libertà di esplorare, di scoprire nuove culture e stimolare i nostri sensi attraverso la conoscenza delle diversità.

Con l’ordinanza del 22 febbraio 2022, sono stati definitivamente eliminati gli elenchi di Paesi verso i quali è concesso viaggiare per turismo. Scompaiono anche i Corridoi Turistici Covid-free che non hanno più ragione di esistere.

Restano, comunque, regole ferree da seguire durante il viaggio e per il rientro sul territorio nazionale, utili per viaggiare in sicurezza. Scopriamole insieme:

Come restare informati:

Torniamo in movimento ma ricordiamo di seguire le regole per evitare problemi alle frontiere! Qui trovate un riepilogo della documentazione da presentare in aeroporto prima di imbarcarsi sul volo di rientro in Italia:

– Munirsi di mascherine FFP2 prima di partire, l’utilizzo dei dispositivi di protezione è ancora obbligatorio all’interno degli aeroporti, in aereo e per tutta la durata del viaggio (da sostituire ogni 4 ore).

– Presentare alla compagnia aerea, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, il formulario digitale di localizzazione del passeggero (digital Passenger Locator Form o dPLF) in formato digitale o cartaceo.

– Essere in regola con il certificato di vaccinazione completa o da guarigione (da meno di 6 mesi); in alternativa, è necessario presentare il risultato negativo di test molecolare effettuato 72 ore prima dell’ingresso in Italia o di test antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti l’ingresso.

In caso di mancata presentazione di una delle certificazioni indicate, al rientro si avrà l’obbligo di quarantena presso l’indirizzo indicato nel dPLF per un periodo di cinque giorni, al termine del quale si dovrà effettuare obbligatoriamente un nuovo test molecolare o antigenico.

E’ importante, però, verificare le norme vigenti nel Paese verso il quale si intende viaggiare che potrebbero prevedere diversi obblighi o limitazioni. Per essere aggiornati in tempo reale, vi invitiamo a consultare il sito www.viaggiaresicuri.it, selezionando la scheda Paese di vostro interesse (per i viaggi all’estero) o leggendo gli approfondimenti per i viaggi in Italia.

Certificazione verde (green pass): Anche se si sta andando gradualmente verso l’abolizione del Green Pass, ormai è noto a tutti che è necessario, almeno fino al 31 marzo p.v., essere dotati di Green Pass Rafforzato per accedere ad alberghi e altre strutture ricettive e mezzi di trasporto pubblico sul territorio nazionale (aerei per voli nazionali, treni sul territorio nazionale, navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, autobus, funivie, cabinovie, seggiovie).

La tabella delle attività consentite con o senza Green Pass pubblicata sul sito www.governo.it è uno strumento chiaro e davvero molto utile per non sbagliare.La normativa completa è disponibile sul sito del Ministero della Salute e alla pagina dedicata sul sito www.viaggiaresicuri.it.


Sicurezza in viaggio:

Tutti i nostri partner – albergatori, ristoratori, guide ambientali e turistiche, autisti, performer – fanno parte della community di Eventi Nomadi perché sposano la nostra filosofia che mette al centro la persona e la cura dei territori, delle culture e delle relazioni. Anche loro hanno voglia di accoglierci e farci vivere esperienze emozionanti e per farlo hanno adottato i protocolli previsti dalle normative internazionali e regionali vigenti.


In caso di nuove restrizioni nella destinazione del viaggio prenotato:

E’ sempre consigliata un’assicurazione contro l’annullamento del viaggio o con le nuove clausole dedicate al Covid-19. Se il viaggio o l’esperienza che avete prenotato non potrà più avere luogo a causa di nuove restrizioni, i nostri partner faranno il possibile per riprogrammarlo o rimborsare eventuali acconti versati ma solo in caso di forza maggiore.
N.B.: se viaggiate verso un Paese o Regione che richiede un test molecolare, fate attenzione ai tempi necessari per ottenere il referto; eventuali ritardi non possono essere trattati come una rinuncia involontaria al viaggio


Buone pratiche del viaggiatore:

Anche noi viaggiatori siamo tenuti a seguire quelle linee guida che ci consentono di garantire la nostra sicurezza e quella dei nostri compagni di viaggio. In che modo? Utilizzando i dispositivi di protezione (mascherina e, ove richiesto, guanti monouso), igienizzando e lavando spesso le mani, evitando assembramenti e mantenendo la distanza minima di 2 metri.

Torniamo in movimento rispettando le regole e pretendendo rispetto ma facciamolo anche con la giusta dose di leggerezza. E se avete ancora qualche dubbio, siamo a vostra disposizione all’indirizzo email info@eventinomadi.it. Vi ricordiamo che nella community di Eventi Nomadi trovate organizzatori professionisti, fornitori e viaggiatori: una grande risorsa dalla quale attingere qualsiasi ulteriore informazione o suggerimento per il vostro prossimo viaggio.

I nostri Viaggi Sostenibili rispettano l’ambiente e le culture locali attraverso un turismo lento. Non tutti i luoghi che visitiamo sono organizzati per consentire spostamenti a basso impatto ambientale, per questo abbiamo codificato il grado di sostenibilità di ogni viaggio, come segue:

altamente sostenibile

mediamente sostenibile

sostenibile al 50%